CONCETTO DI LESIONE OSTEOPATICA

La LESIONE OSTEOPATICA è l’associazione di due o più disfunzioni che limitano la libertà di

movimento del corpo: mobilità articolare , vaso motricità, visceromotricità, conduzione nervosa,

liquido cerebro spinale.

Still sosteneva :” trovate la lesione primaria, correggetela e lasciate fare alla natura”.

La lesione non serve unicamente a definire le conseguenze locali immediate riscontrabili

dopo un trauma diretto, ma racchiude le molteplici ripercussioni neurobiologiche e fisiologiche di

adattamento alla sua comparsa e persistenza. Una conseguenza diretta del persistere della lesione è

la creazione di uno stato di FACILITAZIONE a livello del segmento spinale corrispondente

lesionato con un abbassamento della soglia di risposta ai messaggi sensoriali di ogni natura

che pervengono a questo livello di origine muscolo scheletrica viscerale e cutanea ( I. Korr).

Ciò che ne risulta è una situazione di ipereccitabilità a livello di questo segmento midollare che

favorisce il disturbo intorno a tutti gli elementi innervati da questo livello (La legge di Hilton:

riguarda la capacità del nervo, che innerva un’articolazione, di innervare sia i muscoli che muovono

tale articolazione, sia la pelle che copre l’inserzione articolare di detti muscoli) favorendo

apparizione di sintomi o persino malattie funzionali se protratto nel tempo. Le conseguenze

meccaniche dirette sono la creazione di una zona di “maggior sensibilità” sollecitate più di quanto

permetta la loro fisiologia si può dar luogo così a lesioni di tipo somato-somatiche coinvolgendo le

strutture muscolo scheletriche colpite che genereranno contratture muscolari o disfunzioni di

movimento, somato viscerali in cui si ha un coinvolgimento del viscere collegato a quel segmento

midollare , viscero somatiche se un organo sofferente induce nella zona di innervazione una

contrattura riflessa o cortico somatico caso in cui conflitti psicologici generano contratture

muscolari con aumenti del tono muscolare in assenza di qualsiasi lesione vertebrale.

Le varie lesioni vengono spesso classificate in lesione Primaria che di solito denota un trauma

diretto o una disfunzione localizzata , lesioni secondarie dovute a compensazioni meccaniche come

risultato di un disturbo più lontano.

Le cause delle lesioni sono quindi molteplici, traumatiche, patologiche , congenite , alimentari

psicologiche ma conducono in sostanza tutte ad una modifica nella funzionalità a causa di un

“maladjustment” strutturale o funzionale. Tutte le lesioni quindi sono causate dall’interazione di

forze che agiscono sul nostro corpo, dirette (es. trauma) indirette (es. psicologiche, alimentari) e la

malattia non è altro che la manifestazione del tentativo del nostro corpo di resistere per ritornare al

suo stato di benessere.

 


Continua la lettura

Mal di schiena e l'osteopata

09/11/2020

Il dolore alla schiena è una patologia che per la maggior parte dei casi rispecchia lo stile di vita e le abitudini della società in cui viviamo.

ADiBAS Posture

29/10/2020

Misurazione non invasiva della postura e della colonna vertebrale mediante infrarossi

Osteopatia , medicina manuale .

12/11/2018